martedì 11 novembre 2008

vivere in giappone, vol. 1 - chiedere scusa

Oggi ho capito una cosa importante su questo paese e la sua gente.



L'importante non è chiedere scusa, è stare fermo immobile, contrito e sguardo a terra mentre la persona danneggiata si lamenta perché gli hai creato un problema. Tu devi solo tenere la schiena dritta, lo sguardo a terra e le mani giunte, e dire un "mi dispiace moltissimo!!" nei momenti di silenzio.



Fine.



Poi quando la persona ha smesso di lamentarsi in modo anche abbastanza spiacevole, te ne puoi andare tranquillo, e finisce tutto.



Basta che poi alla fine torni e ringrazi perché è stato messo tutto a posto.



Oggi ho fatto un errore al ristorante, e questa è stata la scena che mi è toccata.



Ma il bello è che nessuno mi ha detto, vieni a scusarti. Mi hanno detto: vieni con me un attimo. E poi il mio capo s'è sorbito tutto il lamento scocciatissimo del cuoco che ora doveva rifare la pasta quando la cucina era chiusa e blablabla...



e io che ho capito cosa succedeva dopo cinque minuti buoni, visto che il linguaggio del cuoco era abbastanza di basso livello e di una velocità inenarrabile...



E poi mi è toccato anche andare a dire un grazie random, perché avevano preparato quella maledetta pasta...







mah... comunque, se si sbaglia qualcosa in nippolandi: sguardo contrito, occhi bassi, schiena dritta e tanti "sumimasendeshita".



Così si risolve tutto. Hai fatto la tua parte e la controparte anche. Ognuno ha recitato per bene e ora potete tornare a quello che facevate.



Mi raccomando, mani giunte in grembo! Danno un'aria moooooolto più contrita...

4 commenti:

  1. ok, mani contrite... ma il cadavere dove lo si nasconde?

    RispondiElimina
  2. Io ho imparato questa skill da parecchio tempo ormai

    RispondiElimina
  3. nonostante vivi in italia...

    Lollo, qui si deve litigare anche quando si è dalla parte del torto XD

    RispondiElimina
  4. utente anonimo13 maggio 2009 23:59

    Vedila dal lodo punto di vista: i giapponesi di noi italiani dicono che non chiediamo mai scusa, anzi diciamo sempre "non è colpa mia!".

    Ora però capisco meglio il loro concetto di "scusa". Mi regolerò. Grazie

    Paocin

    RispondiElimina